venerdì 31 dicembre 2010

In piazza San Pietro la veglia di preghiera per la pace


L'iniziativa del Movimento dell’Amore familiare per l'ultima notte dell'anno, con monsignor Oscar Rizzato. Appuntamento in piazza San Pietro a partire dalle 23.15 fino alle 7 di G. R.

Uniti, nella notte, contro le violenze della guerra: sia quella che avviene tra diversi Paesi, sia quella, fatta di soprusi e discussioni, che a volte scoppia tra le mura domestiche. Con questo obiettivo nasce la “Veglia di preghiera per l’unità e la pace nelle famiglie e tra le nazioni”, promossa – per l’ottavo anno consecutivo – per il 31 dicembre dal Movimento dell’Amore familiare.

I fedeli si ritroveranno come di consueto in piazza San Pietro attorno alle 23.15; dopo un canto di inizio, alle 23.30, monsignor Oscar Rizzato darà il via alla preghiera. «Tutti i presenti insieme alle famiglie – anticipano dal Movimento dell’Amore familiare – accenderanno flambeaux e con gioia e speranza si darà inizio con canti e preghiere al nuovo anno». A mezzanotte verrà inviato un messaggio di auguri di “Buon anno di luce, di pace e di serenità”, tradotto in varie lingue ai presenti alla veglia. Ai presenti verrà consegnato un lumino che potrà essere deposto davanti al presepe come segno di luce e di speranza. La conclusione della preghiera alle 7 del primo gennaio.
«La pace – così i promotori spiegano il senso dell’iniziativa – si costruisce prima di tutto nel cuore di ciascuno, ci si educa poi nelle famiglie con uno stile di rispettosa collaborazione e di attenta valorizzazione di tutti, per poi sfociare nell’accoglienza e nel rispetto dei valori di ciascuno per un mondo di fraternità e di pace tra i popoli e le nazioni».

lunedì 20 dicembre 2010

marzo-aprile 1950


Un mosaico di grandi dimensioni è stato appena inaugurato nel vestibolo della nostra chiesa Regina Pacis di Roma.
La raffigurazione trae senza dubbio ispirazione dalle Vergini Bizantine che decorano le antiche absidi delle basiliche romane; ma a differenza di queste che spesso hanno un aspetto....che quasi incute timore - tanto distanti sono dall’essere a misura d’uomo, - la Regina Pacis di Monteverde, nonostante le sue dimensioni (misura m. 6.30 x 9) è squisitamente naturale. Potremmo quasi dire un ritratto vivente. Il piccolo Gesù, con i suoi capelli ricci e biondi ha le fattezze di un bel bambino romano, o di un angelo di Raffaello.
La posizione del gruppo è imponente. Su un faldistorio (trono senza schienale) ricoperto da un grande cuscino di velluto è seduta la Santa Vergine. Ha il capo velato e aureolato, e le pieghe del suo abito lungo si aprono sui gradini. In piedi sulle sue ginocchia tiene il Bambino Gesù e il capo di questi è alla stessa altezza di quello della sua Divina Mare. Il Bambino Gesù tiene, insieme alla Santa Vergine, una lunga croce sottile, di cui l’estremità appuntita dell’asta trafigge il Serpente infernale, mentre morde la mela. Poi la Santa Vergine solleva il braccio del suo divino Gesù il quale, a sua volta, accenna una benedizione al mondo con le dita socchiuse.
Questo capolavoro di grazia e di pietà è dovuto al talento dell’artista Maestro Silvio Novaro, fratello del curato della Parrocchia, padre Antonio. Tutte le famiglie di questa comunità parrocchiale, così unita e vivace, hanno risposto generosamente all’appello dei loro sacerdoti.
L’inaugurazione ufficiale ha avuto luogo l’8 dicembre, durante la messa dell’Immacolata Concezione (festa celebrata a Roma, come è noto) e ha dato luogo ad un’esplosione di gioia e di soddisfazione. In effetti, quando mons. Luigi Civardi ha scoperto il mosaico e in un discorso commosso e di alta ispirazione ha mostrato la ricchezza dei simboli in esso contenuti così come la sua trascendenza nell’orientamento mariano della parrocchia, allora tutti gli astanti - sfidando le consegne imposte dalla sacralità del luogo - hanno applaudito calorosamente.
“Siamo tutti contenti – ha scritto il Padre Curato – e non potevamo aspettarci di meglio”.
Con l’auspicio che le nostre modeste e fraterne felicitazioni ripaghino gli applausi dei Monteverdini!

venerdì 17 dicembre 2010

Domenica 19 dicembre: tanti motivi per stare in Parrocchia


Tanti gli appuntamenti di domenica prossima:

* Messa delle 10.30: BENEDIZIONE dei bambinelli del presepe e iniziativa di solidarietà (porta dei generi alimentari di lunga conservazione per i poveri della parrocchia);

* FESTA della comunità filippina per i 20 anni di presenza nella nostra parrocchia: in teatro, dalle ore 13;

* FESTA natalizia dei bambini del catechismo, in Chiesa, dalle 15.30: canti, balli, poesie, piccole recite...per prepararsi insieme al Natale.
* PRESEPE VIVENTE in cripta a cura degli scout (dalle 17.30 alle 19.30);

* Grande concerto natalizio in Chiesa dalle 20.30 (vedi volantino).

mercoledì 15 dicembre 2010

Prossimo incontro interparrocchiale degli universitari

VERSO MADRID
(e verso la “vita vera, non troppo facile, ma bella e felice”)
con i giovani amici Cric

Prossimo incontro interparrocchiale degli universitari
presso le Monache Clarisse Urbaniste
Via di Forte Bravetta 338,

giovedì 16 dicembre, dalle 20.45
Appuntamento davanti ai campetti alle ore 20.30

lunedì 13 dicembre 2010

Grande concerto di Natale domenica 19 dicembre

Catechesi: prossimi appuntamenti


CONFESSIONI RAGAZZI
del catechismo:
Mercoledì 15/12
e venerdì 17/12
_________________________________
FESTA NATALIZIA dei bambini
del catechismo:

Domenica 19 dicembre, dalle 15.30
in Chiesa:
Canti, balli, poesie, piccole recite...per prepararsi insieme al Natale.
___________________________________
AVVENTO DI CARITA’: una proposta

REGALA dei generi alimentari di lunga conservazione

per i poveri della nostra parrocchia.
Sono tanti quelli che chiedono aiuto, anche alimentare.
In particolare DOMENICA 19 dicembre puoi portare il tuo pacco sotto l’altare. Sarà un modo buono per festeggiare e far festeggiare chi è meno fortunato di noi.

domenica 12 dicembre 2010

Una “beauty farm” dello Spirito


Gli esercizi spirituali e gli spazi di spiritualità
nella vita quotidiana.

Il prete è tenuto ogni anno a partecipare ad una settimana di esercizi spirituali per rinvigorire la sua spiritualità, verificare e approfondire la sua scelta di vita, rendere autentico ed incisivo il servizio per la sua comunità ecclesiale.
È’ secondo questi obbiettivi e in spirito di obbedienza che anche i vostri sacerdoti hanno partecipato, nel mese di novembre, agli esercizi spirituali: p. Stefano, con alcuni confratelli Cric, a Bose in Piemonte, ospite della comunità monastica fondata da Enzo Bianchi, e p.Livio a Sacrofano, seguendo la proposta della Diocesi di Roma rivolta in particolare ai Parroci.
In cosa consistono gli esercizi spirituali? In un USCIRE da se stessi (dal proprio vissuto quotidiano e dal luogo dove si svolge la routine pastorale) per ENTRARE in una dimensione spirituale dove Dio possa trovare spazio per parlare e agire liberamente. Ti immergi in un luogo di preghiera, nel SILENZIO interrotto solo dall’ ascolto di un predicatore che, due volte al giorno, propone meditazioni attinte dalla parola di Dio e incarnate nella vita di oggi. Vieni inoltre accompagnato dalla preghiera comunitaria finalmente libera da preoccupazioni pastorali e da impegni che sembrano sempre prioritari. Sperimenti che la fonte dell’ agire non risiede in noi, ma in Dio che fa scaturire la sua acqua di vita in te, a condizione di essere recettivo e di non inquinare con le tue scorie quel dono fatto a tutti i fratelli che camminano con te.
Come fossero esercizi fisici, riscontri la fatica iniziale di abbassare le difese personali, di ritrovarti padrone di tanto tempo “libero” da impegni, di non poter accampare scuse nel ridonare a Dio la tua vita e, a Lui, affidare le relazioni costruite, i successi e i fallimenti, le ansie e le speranze, le angosce di chi fatica a portare il peso di una vita dura, di ferite profonde che lacerano il cuore e annebbiano la vita negando prospettive di speranza. E ancora l’immagine degli esercizi fisici ricorda il pericolo di relegare a pochi giorni l’anno, l’impegno di rinvigorire la dimensione spirituale troppo spesso emarginata e dimenticata poi nella vita quotidiana.
È qui, del resto, che si gioca la nostra vita: questa risulta autentica e dunque felice, serena, pacificata soltanto se ogni giorno le riserviamo uno spazio spirituale che l’alimenti e le doni speranza e carità. Come fare quando non si ha la “fortuna” di essere preti, ma si vive l’impellente e inderogabile impegno familiare e lavorativo? I consigli sono tanti, ma rischiano di essere illusorie e utopistiche esortazione se non trovano una concretizzazione personale che è necessariamente diversa per ciascuno di noi. Sarebbe utile pensare ad una REGOLA DI VITA che ci guidi nel quotidiano e che ci indichi la direzione del cammino mettendoci accanto STRUMENTI e TAPPE da utilizzare.
Provo ad elencarne alcune: il confrontarsi periodicamente con un “direttore spirituale” che ci aiuti a verificare il cammino fatto e a raddrizzare eventuali storture; avere dei tempi quotidiani di preghiera che cadenzino la giornata, magari sostenuti dalla comunità parrocchiale (perché pregare insieme è uno strumento potente), da uno spazio visibile destinato, nella casa o nella propria camera, ad alcuni momenti di preghiera; sfruttando oppure i momenti “morti” come i tragitti in macchina per ascoltare trasmissioni spirituali come quelle offerte da Radio Maria o per pregare il Rosario. Torniamo inoltre alle antiche usanze di BENEDIRE la mensa prima di cominciare i pasti e, in questo tempo di Avvento, a trovare spazio e tempo per allestire il PRESEPE e la corona d’avvento. E riappropriamoci della DOMENICA come giorno del Signore, della comunità, del riposo e della famiglia, magari approfittando delle proposte che la Parrocchia offre per vivere al meglio un giorno così importante: dalle celebrazioni eucaristiche al film pomeridiano, dall’oratorio come spazio di svago e di incontro alla riscoperta di luoghi sacri di cui la nostra città è così ricca. Riprendiamo in mano la BIBBIA, almeno per leggere in anticipo (e magari meditarle prima) le letture della Messa domenicale. Mettiamola in un posto visibile nella casa. Approfittiamo dei mezzi di comunicazione che la Chiesa ci offre: dal quotidiano Avvenire ai molteplici settimanali o mensili, dalle radio cattoliche alle trasmissioni televisive, dai siti web cattolici ai film che diano respiro alla vita autentica (a proposito: non perdete “Uomini di Dio”)…
Sono solo alcuni stimoli. Cosa ci blocca? Solo gli impegni pressanti? O forse tante forme di “pigrizia spirituale”, di accomodamento borghese, di mediocrità rilassante? Facciamoci queste domande e impegnamoci concretamente a rinvigorire il nostro cammino. La meta è una vita autentica, beata, felice, eterna. Non è poca cosa. (p.S.L.)

sabato 11 dicembre 2010

Calendario liturgico (12-19 dicembre 2010)

DOMENICA 12 3ª di Avvento
Is 35,1-6a.8a.10; Sal 145 (146); Gc 5,7-10; Mt 11,2-11 Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro? LO 3ª set
7,30- Elena e Vincenzo
9- Domenico- Teresa- Nicola
10,30- Benedetto
12- Mario (1° anniversario)
18,30- Umberto- Ezia e tutti i defunti della famiglia Pazzini-Roscani

LUNEDÌ 13, S. Lucia (m)
Nm 24,2-7.15-17b; Sal 24 (25); Mt 21,23-27 Il battesimo di Giovanni da dove veniva?
7- Fernando- Elena- Maria
9- Gruppo Padre Pio
18,30- plurtintenzionale

MARTEDÌ 14, S. Giovanni della Croce (m)
Sof 3,1-2.9-13; Sal 33 (34); Mt 21,28-32 È venuto Giovanni e i peccatori gli hanno creduto.
7- Angelo e Armando
9- Fausto
18,30- plurintenzionale

MERCOLEDÌ 15
Is 45,6b-8.18.21b-25; Sal 84 (85); Lc 7,19-23 Riferite a Giovanni ciò che avete visto e udito.
7- Pasqua
9- Giuseppe
18,30- plurintenzionale

GIOVEDÌ 16: inizia la novena di Natale
Is 54,1-10; Sal 29 (30); Lc 7,24-30 Giovanni è il messaggero che prepara la via al Signore.
7- Maria Giovanna- Rocco- Michele
9- Maria Elena (vivente)
18,30- plurintenzionale

VENERDÌ 17
Gn 49,2.8-10; Sal 71 (72); Mt 1,1-17 Genealogia di Gesù Cristo, figlio di Davide.
7- Lina (anniversario)
9- Umberto- Claudio- Teresa
18,30- plurintenzionale

SABATO 18
Ger 23,5-8; Sal 71 (72); Mt 1,18-24 Gesù nascerà da Maria, sposa di Giuseppe, figlio di Davide.
7-
9- Furio Camillo
18,30- plurintenzionale

DOMENICA 19 4ª di Avvento
Is 7,10-14; Sal 23 (24); Rm 1,1-7; Mt 1,18-24 Gesù nascerà da Maria, sposa di Giuseppe, della stirpe di Davide.
7,30- Romano
9- Antonia Maria
10,30- Mauro ed Augusto
12- Antonietta e famiglia Squillace
18,30- Giovanna- Angelo- Alberto

AVVISI:

* DOMENICA:
- GIORNATA DI SPIRITUALITA’ PER GIOVANI FAMIGLIE IN PARROCCHIA
- ORE 16 FILM IN TEATRO
* LUNEDI:

- ORE 9 PREGHIERA CON GLI AMICI DI P. PIO
- ORE 16,30 CATECHESI: I PROFETI CHE ANNUNCIANO IL NATALE IN SALA CONFERENZE
* GIOVEDI:

- ORE 16 ADORAZIONE E GRUPPO LITURGICO
- ORE 20,45 INCONTRO DEGLI UNIVERSITARI A FORTE BRAVETTA
* VENERDI:

- ORE 17,45 INIZIO NOVENA DEL NATALE: ROSARIO E RIFLESSIONE
* SABATO E DOMENICA: PRESEPIO VIVENTE IN CRIPTA PROPOSTO DAGLI SCOUT ORE 17,30 – 19,30
* DOMENICA PROSSIMA

- ORE 10,30: BENEDIZIONE DELLE STATUE DI GESU’ BAMBINO E RACCOLTA GENERI ALIMENTARI
- ORE 15,30: MOMENTO DI CELEBRAZIONE NATALIZIA IN CHIESA PER RAGAZZI E FAMIGLIE
- FESTA DELLA COMUNITA’ FILIPPINA IN TEATRO DOPO 20 ANNI DI PRESENZA IN PARROCCHIA
- ORE 20,30: GRANDE CONCERTO NATALIZIO CON CORO DELLA CAPPELLA LUDOVICEA E ORCHESTRA DI TRINITA’ DEI MONTI

venerdì 10 dicembre 2010

GIORNATA DI SPIRITUALITA’ (21 dicembre)

A SACROFANO

MARTEDI 21 DICEMBRE


Sono particolarmente invitati tutti i collaboratori:
catechisti, Operatori caritas, s. Vincenzo,
Consiglio pastorale e tutte le persone di buona volontà

PROGRAMMA:


ORE 8,30 PARTENZA IN PULMAN DALLA CHIESA
ORE 9,30 MOMENTO DI PREGHIERA E
CONFERENZA
ORE 11 PREGHIERA PERSONALE E POSSIBILITA’
DI CONFESSIONI
ORE 13 PRANZO INSIEME
ORE 15 CONCLUSIONI E S. MESSA

PRENOTARSI IN UFFICIO PARROCCHIALE FINO A DISPONIBILITA’ DI POSTI:

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: € 20

giovedì 9 dicembre 2010

La Messa dei giovani (un'esperienza da ripetere)




Ma chi lo dice che la Chiesa è roba per vecchi?
Senza offesa per tutte le persone anziane che in maniera pia e devota riempiono la Chiesa durante tutta la settimana,questa è sicuramente una delle obiezioni più ricorrenti da parte di quei ragazzi lontani dall’ambiente parrocchiale e che accampano scuse per non avvicinarcisi.
La risposta a questa domanda Regina Pacis l’ha data il 14 novembre con “la messa dei giovani”.
Tre gli ingredienti principali di questo importante appuntamento:
1. il luogo della celebrazione, il teatro: è stato scelto perché fosse il più informale possibile
2. il sacerdote, Padre Stefano: ha avuto il coraggio di lanciare questa “sfida” e di tradurre la consueta messa della domenica in una celebrazione a misura dei giovani,più vicina nel linguaggio e nei segni al mondo giovanile
3. soprattutto loro, i giovani, l’elemento principale di tutto l’evento: circa 60 tra liceali e universitari (più qualche genitore curioso)
Per rispondere alla domanda iniziale è bene analizzare questo dato: 60 è esattamente 1/10 delle persone presenti in chiesa alla messa delle 10:30 (circa 600)…apparentemente è un po’ poco,ma se si considera la fascia di età piuttosto ristretta a cui era rivolto l’invito (dieci anni di differenza tra il più piccolo adolescente e il più grande universitario presente in teatro), indubbiamente è un buon risultato!
Si potrebbero fare delle riflessioni sul fatto che una parrocchia che,sul territorio, conta circa 10000 abitanti in chiesa ne vede solo un migliaio nell’arco delle varie messe(è interessante notare anche qui il rapporto di 1 a 10) ma per il momento godiamoci il successo, anche un po’ inatteso, di questa prima messa dei giovani.
A completare la ricetta di questo successo, ai tre ingredienti principali citati prima bisogna aggiungere tre importanti spezie:
1. il coro: i giovani che solitamente animano la messa delle 10:30 hanno abbracciato chitarre elettriche,tastiere, basso e batteria trasformandosi in una vera e propria rock band e hanno interpretato i canti che solitamente propongono la domenica mattina in uno stile più moderno. Ecco,per esempio, che il “Santo libero” assume sonorità dance con grande stupore visibile sulle facce dei presenti in sala
2. la multimedialità: il Salmo è stato sostituito da una canzone di Nek (“Se non ami”) accompagnata da immagini proiettate sullo schermo del teatro e il vangelo della domenica è stato proclamato da un video pubblicato su youtube
3. L’orario: le 18:30 hanno sicuramente aiutato tutti i ragazzi che fanno fatica a svegliarsi presto anche la domenica mattina(qualcuno non ci crederà,probabilmente gli stessi che credono che la Chiesa sia roba per vecchi,ma anche i giovani cristiani sanno divertirsi e non rinunciano a uscire il sabato sera con gli amici)
ALEX

martedì 7 dicembre 2010

Concerto in Chiesa (sabato 11 dicembre)


Sabato 11 dicembre, si terrà un concerto del coro Nuova Arcadia, accompagnato dall'orchestra giovanile I Pini di Roma e con la partecipazione del soprano Francesca Rini e del baritono Alessio Quaresima Escobar.

Il concerto avrà luogo nella chiesa Regina Pacis, piazza Rosolino Pilo in Roma.

L'ingresso è gratuito

http://www.nuovarcadia.com/content/coro-regina-pacis-dicembre-2010

Presepe vivente 2010


Siamo lieti di invitarvi alla 3^ edizione del "Presepio vivente" organizzato dal nostro Gruppo scout in collaborazione con la Parrocchia .
E' un momento per rivivere lo spirito del Santo Natale attraverso la rappresentazione del meraviglioso evento accaduto piò di 2000 anni fa.
Qui sotto trovi tutte le informazioni necessarie.
Ti aspettiamo!

Associazione Italiana
Guide e Scouts d'Europa Cattolici
Gruppo Roma 64 Regina Pacis
Via Maurizio Quadrio, 21 - 00152 Roma
http://roma64.fse.it/ - e-mail roma_64@fse.it

lunedì 6 dicembre 2010

Festa dell'Immacolata


MERCOLEDI' 8 DICEMBRE 2010

SANTE MESSE

ORE 07.30
09.00
10.30 S. MESSA SOLENNE
Animata dal Coro dei Giovani
Presiede S.E. Mons. Mariano Crociata
Segretario Generale della Conferenza Episcopale

12.00 Messa della Comunità
Animata dal Coro degli Adulti

In mattinata è allestita nell’atrio della Chiesa un
Pesca di Beneficenza.

Ore 16.00 PROCESSIONE CON STATUA DELLA MADONNA
Percorreremo le vie: Barrili, Poerio, F.lli Bandiera, Poerio, L.go Berchet, Rossetti,
Carini, Chiesa.

Ore 17.15 Messa a rientro della Processione.

Ore 19.00 Celebrazione Solenne del Vespro a conclusione della Festa Patronale.
_________
ORE 18.00 Concerto Bandistico sul Sagrato della Chiesa,
Proposto dal GRUPPO ALPINI DI BORBONA (RI), sezione di Roma.
Questo gruppo anima anche la processione con inni liturgici in onore di Maria.

Sussiste anche quest’anno la simpatica tradizione del Panino Farcito, offerto dalla azienda Celestino Ambrosini, che ringraziamo!

ORE 18.30 Spettacolo Pirotecnico!
Proposto dalla ditta Santo Stefano di Roma.

domenica 5 dicembre 2010

E’ già Natale


Siamo già entrati nel mese di dicembre e fin da subito, quasi a segnare l’inizio di questo mese, celebreremo l’immacolata Concezione, che per noi di Regina Pacis è una festa davvero importante. I giorni scorreranno velocemente e senza che ce ne accorgeremo saremo già a Natale. Ebbene, passeranno ben presto ma questo tempo noi cristiani dovremmo sfruttarlo nel miglior modo possibile, perché possano essere giorni ricchi di ricerca e di preghiera. Il rischio è che possano passare senza dargli tante attenzioni e allora sarà già Natale, solita messa, solito cenone e l’indomani ci dimenticheremo di tutto.
Invece no, dobbiamo guardare davanti a noi e farci guidare dalla Parola di Dio che è maestra di vita, facendo nascere questo germe che è Cristo Signore dentro ognuno di noi.
Delle volte una parola detta all’altro può essere un macigno. Uno sguardo dato in certo modo può annientare, il correre via e lo sbattere la porta in faccia al vicino può far nascere dell’odio, solo perché fa troppo rumore.
Natale è dolcezza, Natale è quiete, Natale è la salvezza che viene per ognuno di noi. Sì, in mezzo a noi uomini di questa terra che abbiamo sempre da ridire. Guardiamo allora a questi giorni prendendoci l’impegno di cambiare in qualche cosa, di migliorare non solo con le parole ma anche con i fatti, facendoci aiutare dai nostri sacerdoti.
Vi auguro un Natale, ricco di ogni bene, ma soprattutto pieno della grazia di Dio. Provateci: sarà veramente diverso. Vi aiutino la semplicità dei pastori del presepe, la bellezza dell’angelo che canta l’inno del “Gloria a Dio”, ma che dice anche “pace agli uomini di buona volontà”.

Francesco Montalbano

giovedì 2 dicembre 2010

Spettacolo teatrale: “CAMERE CON CRIMINI”


domenica 5 dicembre,

ore 16, in teatro (via M.Quadrio, 19)


L’Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta:



Di Sam Bobrick e Ron Clark

Tre camere dello stesso albergo. Due uomini e una donna, tra loro legati da un sottile filo rosso, per tre tentati omicidi. Mitchell, Arlene e Paul sono i protagonisti di questa brillante commedia nata dalla penna di Sam Bobrick e Ron Clark.

Per un teatro che “fa ridere”, soprattutto quando la sapiente scrittura degli autori si sposa con i tempi tecnici e comici dei bravi attori.

Lectio divina per giovani e adulti

in Casa Generalizia Cric (via F.Torre, 21),


a cura di p.Paolo Tortelli

Giovedì 2 dicembre, ore 21

Giovedì 9 dicembre, ore 21